martedì 31 gennaio 2012

Lezioni dal Consigliere trasparenza!

Ieri mattina ho cercato di commentare il post che il Consigliere Mariani ha posizionato sul suo blog come Lui nella giornata di ieri ha fatto sul mio. Sapete qual'è la cosa incredibile... che mentre i blog di tutto il M5S sono liberi, aperti e dove tutti possono dare la propria opinione IL SITO DEL CONSIGLIERE MARIANI E' MODERATO.. DECIDE LUI CHI E', COME E COSA SI COMMENTA SUL SUO BLOG. CORRETTO, OGNUNO DECIDE PER SE COME E COSA FARE, MA POI NON DA LEZIONE DI TRASPARENZA E COERENZA AGLI ALTRI.

IL MIO BLOG E' APERTO E LUI SI E' POTUTO ESPRIMERE LIBERAMENTE, COME E' GIUSTO CHE SIA, VEDIAMO SE ACCETTERA' IL MIO POST!!! :D

Tra il DIRE e il FARE c'è di mezzo il MARE!!! A parole siamo tutti per la trasparenza e la pluralità delle opinioni ciò che è difficile è realizzarlo nei fatti!


 Tra FARE e FILMARE c’e’ di mezzo il mare di Gabriele Mariani


"L’ultima polemica in Consiglio di Zona 3 proviene dal M5S (i grillini), che hanno tempo fa presentato una mozione per consentire le riprese video sui lavori in consiglio.
Con le dovute garanzie di imparzialita’ delle riprese e di messa in rete, ritengo che la proposta meriti di essere sostenuta.
Peccato pero’ che alla prima ripresa fatta giovedi scorso, i “cineoperatori” abbiano “girato” solo la prima parte del consiglio, indugiando spesso sul loro rappresentante che, in concomitanza di tale ripresa ha mostrato un insolito attivismo nel numero e nella durata degli interventi, attivismo mai visto sin’ora .
Peccato che gli operatori, andandosene prima (forse si stava facendo tardi), non abbiano potuto riprendere i consueti coloriti (e’ un gentile eufemismo, ovviamente)  interventi della Lega .
Diciamo chiaramente che l’esordio sperimentale non e’ stato dei migliori e che la mozione presentata dalla collega M5S  , piuttosto approssimativa per poter essere votata , avra’  la necessita’ di alcune sostanziali precisazioni, ovvero neutralita’ delle riprese e possibilità di vedere le stesse per intero in streaming, garanzie queste non presenti nel testo originale.
Infine mi chiedo quale tipo di ripresa potra’ mai documentare per bene tutto il lavoro che si fa per costruire una delibera, tutti gli incontri con i cittadini  le associazioni, i dibattiti in commissione, i ragionamenti fra colleghi .
Tra FARE e FILMARE ci stanno di mezzo decine e decine di ore di impegno e di serio, onesto e paziente lavoro che non vedra’ mai nessuno."

Commento in attesa di moderazione del sito di Gabriele Mariani di Elena RE


Gentile Consigliere Mariani,
questa conversazione è già stata da Lei cominciata sulla mia pagina personale e di conseguenza è giusto riportare il suo intervento e i suoi non troppo velati insulti e gratuti insulti nei miei confronti. Capisco la divergenza di opinioni però direi che siamo persone adulte e non c’è la necessità di passare a tali toni di scherno. La conversazione può mantenere un clima sereno!
Prima cosa che vorrei dire è che concordo sul fatto che l’informazione trasparente e pubblica non ha la necessità di accompagnarsi a commenti faziosi quali ad esempio quelli da Lei scritti sul suo post con le foto della Commissione sulle Piste Ciclabili. Post che ovviamente rendeva gentilmente noto che tutta l’opposizione era assente alla sua commissione (poco importa che il giorni prima avessimo tutti avvisato della nostra assenza, tanto che si è concordato di sospendere la commissione regolamento che precedeva la Sua). Post che Lei ha poi rimosso proprio dopo le lamentele di molti Consiglieri. E’ però significativa la Sua condanna del comportsmento che Lei è già solito tenere: i lettori del Suo blog informativo e delle pagine di partecipami ne hanno avuto prova non meno di una settimana fa.
In ultimo rispondo che in molti Consigli di Zona ed in consiglio Comunale esistono già libere riprese con telecamere non fisse e senza le precisazioni che Lei ritiene necessarie. Precisazione che io ho accolto in todo nella precedente discussione, come accolto in todo le richieste promosse dal Capogruppo del PD e da SEL. E che sono ben disposta a riaccogliere alla prossima discussione come già fatto in precedenza. Ma che non è servito nella scorsa discussione dove Lei ha votato a favore ma molti altri della sua coalizione dopo un approvazione scritta del testo si sono sentiti di non approvare le riprese subito neanche con i paletti e le precisazioni imposte.
Anzi se Lei mi vuole mandare il testo prima di giovedì consegno il testo con il suo gentile contributo. La partecipazione dei cittadini è sempre ben voluta e accettata sotto tutte le forme possibili! Il M5S è ben consapevole di aver bisogno dei cittadini e dei colleghi per poter procedere con i lavori! L’importante che si arrivi alla possibilità di riprendere subito in modo da partecipare tutti. In alcune zone sono stati i cittadini – attivisti a comprare la telecamera per non far ricadere i costi sui consigli e quindi sul comune!
MA LA DOMANDA FONDAMENTALE E’: visto che la mia mozione è imprecisa, inadueguata, piena solo di demagogia e null’altro, dov’è la mozione – delibera della maggioranza in tema? Nei 4 MESI che mi avete fatto attendere prima della discussione nessuna posizione è stata presa neanche da Lei gentile consigliere che sostiene così tanto il mio lavoro.
SIETE MAGGIORANZA, AVETE I NUMERI PER CREARE LE RIPRESE COME E QUANDO VOLETE. E ALLORA FATELO.. di sicuro avrà il mio voto favorevolissimo e tutto il mio sostengo in Consiglio.
In ultimo le rispondo che in zona 5 anche le Commissioni sono filmate, in modo da rendere evidente anche tutto il lavoro preparatorio. Inoltre all’interno del Movimento tutto è pubblicato, tutto è discusso pubblicamente, tutti i lavori preparati sono condivisi via internet in luoghi pubblici, tutte le firme in mozioni, interrogazioni e comunicazioni sono precedentemente discusse con i nostri attivisti su apposita piattaforma pubblica. Tutte le nostre riunioni, workshop, incontri e discussioni sono già liberamente ripresi da cittadini e non da OPERATORI.. non è venuto nessun operatore in consiglio ma un SINGOLO COTTADINO VOLONTARIO CHE A SPESE SUE E DEL SUO TEMPO LIBERO (POCHISSIMO) HA RIPRESO PARTE DEL CONSIGLIO. Il Movimento vive di cittadini volontari dato che rifiuta i pubblici finanziamenti e li ringraziamo per il sostengo e l’aiuto quotidiano che ci danno!

lunedì 30 gennaio 2012

Progetto Wifi in zona 3

Dopo le richieste del M5S su segnalazione di un cittadino (Max) e di molti altri Consiglieri di opposizione di Zona 3, si è riusciti ad ottenere che il progetto wifi e il posizionamento delle antenne venga discusso in Commissione).
Commenti - perplessità e eventuali nuove localizzazioni??


Come da intese provvediamo ad inviare il materiale presentato e discusso nell'ultimo incontro sul tema WI FI, sul quale restiamo in attesa di ricevere vostre ulteriori osservazioni relativamente ai luoghi/siti di potenziale interesse nella vostra zona di competenza.
In allegato troverete:
- prima mappatura dei luoghi potenzialmente strategici, riferiti a piazze,
larghi e snodi di transito;
- elenco dei siti mappati per una loro immediata individuazione;
- elenco di ulteriori luoghi/siti di potenziale interesse perchè possibili
punti di aggregazione.
Nel materiale inviato non sono presenti le reti private outdoor, eventualmente già esistenti o in fase d'implementazione, come ad esempio quelle delle sedi universitarie, quando non sono solo indoor; su questo tema, eventuali vostre segnalazioni costituiranno un elemento d'interesse e di contributo gradito.



POSIZIONI PROPROSTE DAL COMUNE DI MILANO:
1 Piazza Argentina
2 Piazza Ascoli
3 Piazza Aspari
4 Piazza Aspromonte
5 Piazzale Bacone F.
6 Piazza Fratelli Bandiera
7 Largo Bellintani
8 Piazza Bernini
9 Piazza Don Borotti 
10 Piazza Bottini
11 Galleria Buenos Aires 
12 Piazza Caduti e dispersi in Russia
13 Piazzale Dateo
14 Piazza L. Da Vinci
15 Piazza Donegani
16 Piazza F. Durante 
17 Piazza C. Erba 
18 Piazza Ferravilla
19 Piazza A. Fusina
20 Piazza G. Giolitti
21 Largo Gemito
22 Piazza Gobetti
23 Piazzale P. Gorini
24 Piazza F. Guardi
25 Piazzale Lavater
26 Piazza Lima
27 Piazza Maria Adelaide di Savoia
28 Piazza Monte Titano
29 Largo Murani
30 Piazza Novelli
31 Piazza Occhialini
32 Piazzale Piola
33 Largo Rio De Janeiro 
34 Piazza Risorgimento
35 Piazza S. Francesca Romana 
36 Piazza S. Gerolamo
37 Piazza S. Materno
38 Piazzale Susa
39 Piazza del Tricolore
40 Piazzale Udine
41 Largo Usuelli
42 Piazza VIII Novembre 1917
43 Piazza Vigili del Fuoco Piazza
44 Largo Volontari del Sangue


ALTRI POSIZIONAMENTI IN ZONA 3
https://docs.google.com/spreadsheet/ccc?key=0AofekrfFVWNKdEcwT2NpaGM0VExrcGJkUHpid1RTZVE


INTEGRAZIONI DAL SOLO UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DI ZONA 3:
45      Piazza Ortica
46      Clinica Città Studi in Via Jommelli
47      Comando di Polizia  Lambrate in Via Feltre

48      Giardini di via Zanoia
49      Giardini Quartiere Feltre
50      MM1 - Lima
51      MM2 - Udine
52      MM2 - Piola
53      MM? - Loreto
54      MM2 - Cimiano
55      MM2 - Crescenzago
56      MM2 - Gobba
57     Casa Boschi Via G. Jan
58     Spazio Nohma Via Orcagna
59     Esselunga di Via Rubattino
60     Consiglio di Zona 3 - Via Sansovino

domenica 29 gennaio 2012

Il Consiglio di Zona 3 è finalmente online: dite cheese!!

OPERAZIONE FIATO SUL COLLO IN ZONA 3:

Episode 1.0 - Domandare è lecito, rispondere è cortesia!
Il M5S propone una mozione per poter riprendere a sue spese e subito tutto il Consiglio in praticamente in tutte le zone di Milano.
La maggioranza dei votanti in zona 3 risponde con cortesia: siamo tutti per la trasparenza subito, ma le riprese saranno solo quelle istituzionali, quando saranno fatte e pagate dal Comune non si sa bene tra quando, ma prima o poi si farà!
Riprese libere fatte anche dai singoli gruppi consiliari (e quindi gratuite per il CdZ) assolutamente NO!! Troppo politicamente scorrette!!!

Episode 2.0 - Domandare è lecito ma informare che si verrà ripresi e basta è molto più produttivo!!
Dopo l'invio di un informativa con cui si preannuncia che la seduta del Consiglio di Zona 3 sarebbe stata ripresa  ecco che finalmente una telecamera entra in Consiglio di Zona 3!!
Nessuna bagarre, nessuna preoccupazione e nessun problema.. in fondo è solo una telecamera! Il cittadino/attivista del M5S (@Claudio Morgigno) via microfono informa tutti i presenti che saranno ripresi.. e ancora nessun problema all'orizzonte.
Il Consiglio ha inizio dopo alcune comunicazioni di cittadini in merito alla giornata della memoria. Prima le comunicazioni dei Consiglieri, le interrogazioni, le mozioni e il voto sull'urgenza di alcune delle mozioni presentate.
Tutto procede normalmente.. nessun problema all'orizzonte!
Si comincia con le delibere: il tutto avviene nel più tradizionale dei modi. Anche di fronte alla telecamera non mancano le solite battute, il solito folclore e le numerose polemiche.
La prima delibera è approvata... e contemporaneamente la batteria della telecamera si scarica VISTO CHE SI TRATTA DI UNA LIBERA RIPRESA DI UN CITTADINO E NON ANCORA DI UN SERVIZIO PROGRAMMATO A CARICO DEI GRUPPI CONSILIARI NON SI UTILIZZA LA CORRENTE DEL CDZ PAGATA DAI SOLITI CITTADINI!
Bello è osservare come tutte quelle persone che la settimana prima hanno negato completamente la possibilità di avere una libera telecamera in CdZ ora sono  davanti alla teledamera di un solo libero cittadino!

Ciò che importa e che alla fine siamo stati ripresi e saremo pubblicati su internet. Libere riprese, liberamente diffuse da un libero cittadino secondo solo la normativa vigente in merito alla privacy. E tutto questo fuori da ogni controllo gestionale del Consiglio di Zona 3.

Infatti avendo scelto di non permettere le libere riprese almeno ai gruppi Consiliari dotandoli di linee guida condivise fra Consiglieri con i paletti - accorgimenti condivisi fra più Consiglieri si è creato un GAP normativo. Una falla tecnica.!!!
Nessuno può dire al cittadino-cameramen per una sera cosa fare, come farlo ma soprattutto dove e in che modo pubblicarlo!!! Direi che è la rivincita dei liberi diritti dei cittadini!!!

video
Questo è un breve estratto realizzato da Claudio, la versione integrale di quanto ripreso la trovate su youtube: http://www.youtube.com/watch?v=fuwsOommJ0Q&feature=youtu.be 

Quindi visto che ai Consiglieri è negata questa possibilità: "Cittadini, svegliatevi e partecipate ai Consigli di Zona e ai Consigli Comunali. E portatevi la telecamera, riprendete le sedute e caricatele in rete. Creiamo le basi per una democrazia partecipata visto che quella rappresentativa non sembra rappresentare altro che gli interessi di pochi e non della collettività."

venerdì 27 gennaio 2012

INT - Video riprese in Consiglio Comunale e in zona 8


Sindaco
Giuliano Pisapia
Presidente di Zona 8
Simone Zambelli

INTERROGAZIONE
OGGETTO: Video riprese in Consiglio Comunale e in zona 8

PREMESSO CHE:

  1. Tutte le sedute del Consiglio di Zona 8 e del Consiglio Comunale sono già videoriprese (anche da soggetti non istituzionali) e trasmesse in differita e/o streaming anche su canali liberi;

  1. il Consiglio di Zona 3 non si è dimostrato favorevole alla libera ripresa delle sedute Consiliari per i motivi qui sotto elencati:
    - elevati costi per le riprese e per la trasmissione anche se promossa da un gruppo consiliare come in Zona 8;
    - difficoltà esposte dal Presidente stesso in merito alla gestione della “bagarre” che si verificherebbe in Consiglio proprio a causa delle videoriprese;
    - ridotta tutela della privacy e dei dati personali dei Consiglieri stessi se la riproduzione video è promossa da un soggetto non istituzionale;
    - elevata possibilità di andare incontro a contenziosi e difficoltà legali di Consiglieri e cittadini proprio in merito alla pubblicazione delle riprese video;

3. in Consiglio Comunale è attualmente possibile videoriprendere le sedute anche con mezzi privati oltre al già esistente sistema di videoripresa istituzionale;

SI CHIEDE:
Al Presidente di Zona 8:
  1. Quali siano gli oneri sostenuti sin ora dal Consiglio di zona 8 in merito alle riprese delle sedute consiliari effettuate da soggetti privati e non istituzionali (gruppo consiliare M5S);
  2. Se siano state presentate denuncie o se siano stati attivati procedimenti legali da parte di consiglieri e/o cittadini proprio in merito alla diffusione delle riproduzioni video durante i consigli di zona 8;
  3. Se si siano verificati momenti di tensione, bagarre e confusione che abbiano impedito la normale esecuzione dei lavori in Consiglio dovuti alla presenza delle telecamere “non” istituzionali.

Al Sindaco Giuliano Pisapia:
1. Quale sia la Sua personale opinione in merito alla libera diffusione dei Consigli di Zona, anche promossa da un operatore non istituzionale (dato che i consiglieri sono funzionari pubblici che svolgono il loro lavoro in sedute pubbliche) e se tale strumento possa coadiuvare l'informazione, la trasparenza e la partecipazione della cittadinanza alle attività istituzionali.
Consigliere Movimento 5 Stelle
Elena Re

INT - Vani vuoti in Zona 3


Pisapia
Assessore alla Casa, Demanio e Lavori Pubblici
Lucia Castellano
Assessore al Commercio
Franco D'Alfonso
Assessore  alle Politiche per il Lavoro
Cristina Tajani 

INTERROGAZIONE

OGGETTO: Vani vuoti negli edifici di prorietà pubblica e demaniale in zona 3

PREMESSO CHE:

- Secondo una prima stima, fatta dai sindacati degli inquilini, sarebbero almeno 600 le luci di negozi non affittati e/o utilizzati in stabili di proprietà Comune

CHIEDE
 
  1. Considerando il solo territorio della zona 3 quanti e quali spazi inutilizzati o attualmente vuoti sono presenti negli immobili di proprietà comunale e demaniale. E quale è la loro localizzazione effettiva nel territorio di zona 3.
  2. Quale sia la tipologia degli spazi attualmente vuoti in zona 3 (magazzini, negozi...)
  3. Se allo stato attuale vi siano dei progetti o dei bandi per l'assegnazione di tali spazi e quale sia l'eventuale prezzo di locazione.
  4. Quale sia l'opinione dell'attuale amministrazione in merito alla possibilità di istituire un bando pubblico secondo l'esempio del Comune di Sesto San Giovanni, magari a partire proprio dalla zona 3, per l'assegnazione di tali spazi a artigiani, imprenditori e liberi professionisti sotto i 35 anni per favorire l'imprenditorialità giovanile, richiedendo un canone di affitto ridotto o assente per i primi anni nel caso di lavori di ristrutturazione da realizzarsi.


Consigliere Movimento 5 Stelle
Elena Re

INT - Quadrilatero di via Apollodoro, via Del Sarto, Via Ferravilla e Via Tiepolo


Al Sindaco
Giuliano Pisapia
Assessore alla Casa, Demanio e Lavori Pubblici
Lucia Castellano
Aler Milano
  
INTERROGAZIONE
OGGETTO: Destinazione urbanistica - funzionale immobili e verde pertinenziale compresi nel quadrilatero di via Apollodoro, via Del Sarto, Via Ferravilla e Via Tiepolo.
 
PREMESSO CHE:
- gli immobili compresi nelle area sopracitata la cui destinazione funzionale ha da sempre una chiara vocazione di tipo sociale e sanitario in quanto sede di Associazioni ed Enti Statali che per la loro permanenza pagano o hanno pagato annualmente un affitto;
 
- il patrimonio immobiliare è di particolare pregio e valore storico in quanto gli immobili di riferimento sono prevalentemente villette di 2 o 3 piani costruite nei primi anni del ventesimo secolo in una area di notevole valore immobiliare;

- molti contratti di locazione – convenzioni sono stati interrotti anzitempo proprio su iniziativa di Aler Milano e attualmente l'area è quasi completamente inutilizzata;
 
- il 16 marzo 2009 tali immobili sono stati affidati in convenzione ad Infrastrutture Lombarde (la holding della Regione) per una ristrutturazione complessiva;

- il settembre 2009 una delle villette nell'area in questione è stata assegnata, dopo completa e onerosa ristrutturazione a carico di Infrastrutture Lombarde, al Presidente del Tribunale di Milano Livia Pomodoro che ha sottoscritto una convenzione che prevede un affitto di 35.000 euro annui. Canone di affitto più basso di quello stipulato con alcune delle associazioni presenti nell'area che fruiscono di spazi e degli immobili che si presentanto in situazione di maggior degrado.
CHIEDE
  1. Quale è il progetto per tale patrimonio edilizio: gli immobili saranno venduti e/o affittati o destinati a comodato d'uso gratuito ad associazioni – enti pubblici.
  2. A chi saranno addebitati gli oneri di ristrutturazione – ripristrino, messa a norma e di manutenzione degli immobili e del verde oggetto dell'interrogazione;
  3. Quali sono i criteri per l'assegnazione di tali immobili stabiliti dalla Giunta o da Aler Milano per la scelta di persone – società – enti – associazione e se è già stato o sarà predisposto un bando e quando verrà reso pubblico e quale ente se ne farà carico.
  4. Quale sarebbe il canone mensile previsto o il valore di vendita per ogni immobile ristrutturato.
  5. Quali associazioni e quali convenzioni sono state stipulate con le associazioni presenti nell'area in oggetto dal 2008 ad oggi e quale è la data prevista di fine contratto. Nel caso di convenzioni interrotte prima dei termini previste specificare per azione di chi il contratto è stato interrotto anzitempo.
Consigliere Movimento 5 Stelle
Elena Re

MOZIONE - Sanatoria Manifesti Abusivi


Al Sindaco di Milano
Giuliano Pisapia


MOZIONE:
OGGETTO: Sanatoria Manifesti Abusivi


PREMESSO CHE:

- l’emendamento approvato (voto contrario solo di IdV e un esponente dei Radicali), bipartisan, (proposto da Gioacchino Alfano del PDL e Bressa del Pd) che proroga un decreto approvato nel 2008, concederà ai partiti che hanno ricevuto multe dal 2008 ad oggi di cavarsela consoli 1.000 euro di multa, risolvendo così il loro debito verso lo Stato.

- solo l'intervento del Governo direttamente Commissione, ha annullato la sanatoria per i Manifesti Abusivi;

- solo nel Comune di Milano, il cui stato finanziario è tristemente noto, lo Stato rinuncerebbe in caso di approvazione della Sanatoria a 6 milioni di euro di multe che i partiti dovrebbero pagare.

SI CHIEDE:

che al Comune di Milano siano pagate tutte le multe a carico dei partiti e dei candidati Sindaco, come promesso in campagna elettorale e che l'attuale Sindaco si faccia garante di tale procedimento a prescindere da quanto deciso in sede Parlamentare.


Consigliere Movimento 5 Stelle
Elena Re

giovedì 26 gennaio 2012

La rete NON dimentica e non c'è da averne paura! Sono sicura che non morde!

Dopo lo stop di PD, Rifondazione Comunista e PDL in zona 3... spuntano delle foto sul Web! 
Dei funzionari pubblici ripresi mentre svolgono la loro attività in un luogo pubblico... come avere una foto di un vigile in mezzo ad una strada. Saranno forse le pareti a creare un forte senso di privacy!!

Ed ecco che cerca cerca sul web si scopre che molte immagine del Consiglio di Zona già ci sono.. pubblicate nottetempo non solo dai privati cittadini che passano per il consiglio ma anche da qualche Consigliere di maggiornaza che ha votato contro la diffusione di tale genere di materiale. MOOOOOOLTO STRANA questa duplice visione delle cose!!!! Fortuna che la rete non dimentica.. anche se i diretti interessati hanno tolto il post sul blog..la foto è cmq rimasta su internet!!

ANDIAMO A VEDERE LE FACCE DEI NOSTRI RAPPRESENTANTI IN ZONA 3 ma soprattutto vediamo chi ha pubblicato le foto:

Blog Consigliere Mariani - PD - Anche se con qualche paletto voto a favore delle riprese subito 
link: Foto Consigliere Boari e Consigliere Viola
link: foto maggioranza in Commissione Territorio e Ambiente

Blog Consigliere Morosi - PD - Vota no alle riprese subito (solo quelle istituzionali)
link: Maggioranza e cittadini in consiglio

Sito rubattino.org
link: Foto Maggioranza in Consiglio di Zona

Milano Today - Massimiliano Melley - Giornale On Line:

Video di un cittadino presente al CdZ con Assessore Castellano:
link: video Castellano in CdZ3

SPERO CHE I CONSIGLIERI DI ZONA 3 RIESCANO COMUNQUE A DORMIRE DI NOTTE!


mercoledì 25 gennaio 2012

ZoNa3: a proposito di partecipazione!!!

Esco ora da un workshop sul bilancio partecipato. Sembra che sia difficile per i piu sostenere una vera partecipazione alle scelte.. meglio ascoltare tutti e poi fare di testa propria! Anche che in Consiglio di Zona 3 appare difficile progettare e decidere in maniera partecipata!

Progetto WIFI gratuito a Milano: per la Zona 3 decide il Presidente Sacristiani!!

- 03.01.2012: Il progetto e la mappa con i punti scelti per posizionare le antenne per la rete wifi gratuita sono inviati al Presidente di Zona 3.
NESSUNA COMUNICAZIONE È INVIATA AI CONSIGLIERI IN PROPOSITO

- 11.01.2012 Il Presidente di Suo pugno risponde integrando le stazioni wifi a suo piacimento o forse in collaborazione con una nuova task force come quella creata per i parcheggi;

- 25.01.2011 su richiesta di Max di zona 3 richiediamo tale documentazione per poter esprimere anche l'opinione dei cittadini in merito al wifi in citta come è avvenuto per zona 2, 5 e 7 e presto anche nella 9.
Così scopriamo che le decisioni non solo vengono prese senza sentire i cittadini ma senza neanche informare i consiglieri;

Alla faccia della partecipazione.. Chissa come mai le altre zone sono sempre un passo avanti.

Ho chiesto che venga convocata una commissione. ATTENDO RISPOSTA FORMALE!!
Grazie MAX!!

Fatto Quotidiano: Bavaglio a internet A difenderlo resta solo la Lega

I partiti si muovono contro l'emendamento contenuto nell’art.18 del ddl Comunitaria proposto dal deputato della Lega Nord, Giovanni Fava, che consente a qualsiasi soggetto interessato, e non solo all’autorità pubblica, di richiedere a un fornitore di servizi internet la rimozione dei contenuti pubblicati sulla Rete.
E’ una levata di scudi quello contro il “Fava”, l’articolo della legge comunitaria da ieri in discussione a Montecitorio. Il provvedimento fatto approvare dal leghista Giovanni Fava sulla falsa riga del “Sopa” e del “Pipa” – le due leggi appena bloccate negli Usa da una imponente mobilitazione on line – prevede che un “contenuto illecito” che viola il diritto d’autore, possa essere eliminato dal web su richiesta dei “soggetti interessati” senza passare dalla decisione di un giudice. L’allarme è stato lanciato la scorsa settimana dal giurista Guido Scorza e, dopo l’associazione Libertiamo, numerose associazioni e forze politiche hanno annunciato battaglia in Parlamento in una conferenza stampa che si è svolta questa mattina a Montecitorio.

Articolo 21, Libertiamo, Il Futurista e Agorà Digitale, hanno presentato oggi le iniziative per bloccare il provvedimento. Emendamenti abrogativi del testo ora confluito nell’art. 18 della legge comunitaria, sono stati presentati Idv, Pd, Udc, Radicali e Pdl: tutti i partiti esclusa la Lega. In Parlamento si lavora affinché tutti gli emendamenti confluiscano in un unico provvedimento abrogativo che potrebbe essere votato nelle prossime settimane.

Dopo un iniziale stupore che ha colpito utenti e forze politiche, si delineano i retroscena del“Bavaglio al web” approvato in commissione Affari Costituzionali: appare per molti versi un’iniziativa personale del deputato leghista, un’iniziativa senza maggioranza tanto che anche il governo non ha preso posizione a riguardo e si è rimesso alla decisione dell’Aula.

Nella conferenza stampa di questa mattina tutte le forze politiche – con i relativi distinguo in base al diverso approccio in materia di difesa del copyright – si sono dette convinte che “la libertà della

Rete va tutelata” e che questioni sensibili come quelle affrontate dal “Fava” vadano approfondite e discusse pubblicamente, e non possano essere oggetti di provvedimenti estemporanei.